Curiosità sullo Stretto di Messina

Se la cultura e i segreti meglio custoditi degli antichi popoli d’Italia catturano la tua attenzione, questo articolo è per te, poiché questa volta condivideremo con te alcune delle il più interessante curiosità più interessanti sullo Stretto di Messina.

Le infide acque dello Stretto di Messina

Lo Stretto di Messina è una località che fa parte dell’omonima città ed è un’area geografica considerata un paradiso della biodiversità marina.

Fin dall’antichità lo Stretto di Messina è stato considerato di difficile navigazione o pericoloso, grazie al fatto che le correnti generate nell’acqua possono raggiungere fino a 9 chilometri orari e avere due flussi opposti, uno da Sud a Nord e un altro in la direzione opposta, che può portare a naufragi.

Ancora oggi con barche dai motori estremamente potenti, navigare in queste acque può essere davvero difficile, immaginate nell’antichità come quelle piccole barche e canoe a remi che erano spinte solo dalla forza umana, potessero superare queste acque impetuose e uscire dalla traversata.

Lo Stretto di Messina nell’epopea di Omero

Fin dall’antichità, come accennato prima, lo Stretto di Messina è famoso per la difficoltà che rappresenta per chi lo naviga, al punto che l’antico scrittore e poeta Omero parlò di questo luogo nella sua famosa Odissea.

Nella storia di Omero si fa riferimento a Scilla e Cariddi, alcuni presunti mostri marini che Ulisse dovette affrontare durante il suo viaggio, tuttavia, in realtà questi mostri erano semplicemente una connotazione per riferirsi a qualcos’altro.

Nel racconto si fa riferimento all’oopulare Scilla, che sta davanti a Fiumara alta e Punto pezzo, ea Cariddi, detto Colei che suucchia o colei che aspira.

Insieme, questi formano un vortice o garofalo che si origina davanti alla spiaggia e al faro, chiari riferimenti allo Stretto di Messina nell’epopea di Omero, dove i mostri non erano altro che acque impetuose.

Lo Stretto di Messina in piedi oggi

Nonostante lo Stretto di Messina abbia attraversato molto nella sua storia e abbia perso lungo il percorso alcune delle sue connotazioni più leggendarie e mitiche, rimane senza dubbio un porto commerciale e turistico di grande importanza per l’Italia e soprattutto per la Sicilia. Ogni giorno numerose barche vi salpano e vi attraccano, attraversando lo Stretto di Messina in rotta.

Al giorno d’oggi è molto più facile attraversarlo nonostante le sue correnti e in soli 20 minuti è possibile raggiungere la città, invece, quando si parla di bagnanti, subacquei e persino snorkelisti, la storia è diversa.

Anche se alcuni amanti del rischio e dell’adrenalina si avventurano ad esplorare queste acque insidiose dello Stretto di Messina, principalmente per apprezzare la flora e la fauna marina uniche del luogo, questa può essere una vera Odissea, poiché le sue correnti sono ancora altrettanto potenti e mitiche che nell’antichità.

Durante il tuo prossimo viaggio in Italia, non puoi perderti Messina, una ridente cittadina i cui abitanti sono sempre pronti ad offrire la loro ospitalità ai turisti di tutto il mondo.

Il Campanile in Piazza del Duomo

Se si visita Messina e si passa per il suo stretto, non può mancare la curiosità del paese stesso, visto che alle 12 dovresti essere proprio sotto la Campanille, la seconda più complessa al mondo per funzionamento meccanico.

Occupa il secondo posto, dietro al Big Ben e quando ti trovi sotto di esso all’ora esatta, puoi vedere immagini rappresentative del ciclo della vita sull’orologio.

Oltre ad essere uno spettacolo unico e meraviglioso, vale la pena fare qualcosa durante la tua visita. Se vuoi saperne di più sul fascino di Messina, visita gli altri articoli che sono disponibili sulla nostra pagina, siamo sicuri che sarete interessati ai contenuti che abbiamo affrontato in essi. Non perdeteli e buon viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.